object(WP_Post)#23198 (24) { ["ID"]=> int(2453) ["post_author"]=> string(1) "2" ["post_date"]=> string(19) "2020-05-09 17:23:56" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-05-09 15:23:56" ["post_content"]=> string(3100) "Nel settembre 2019 ho fatto la traversata in paramotore dalla Sicilia a Malta, è stata un’avventura particolare perché si trattava di volare in mare aperto in un giorno prestabilito  dalle autorità maltesi, non dalle condizioni meteo favorevoli, visto che a Malta non si può volare in paramotore e l’autorizzazione che hanno dato era valida solo per quel giorno.   Il programma prevedeva un volo di circa 3 ore con atterraggio su un eliporto a Gozo. La sera prima della traversata ho preparato la mia attrezzatura e fatto un ultimo check al mio Moster 185, ma sapevo già che non mi avrebbe mai tradito.   Ho guardato le previsioni meteo, erano previsti temporali su Malta, quindi poteva esserci il rischio di rimanere bloccato sul mare e non poter raggiungere la costa fin quando la condizione meteo non lo avrebbe permesso. Decido comunque di non aggiungere un serbatoio supplementare al mio equipaggiamento perché con i consumi del mio Moster il solo carburante del serbatoio principale sarebbe stato sufficiente. Il mattino seguente la condizione meteo in decollo era ottima, ma guardando all’orizzonte in direzione di Malta si vedevano già dei cumuli con sviluppo verticale.   A fare la traversata eravamo in 2, entrambi con motore Vittorazi Moster 185 montato su telaio Fly Products, e per sicurezza avevamo il supporto di una barca.   Il volo è stato fantastico, la bassa rumorosità e le ridotte vibrazioni del motore davano un ottimo comfort. Dopo circa 90 minuti di volo mi sono ritrovato a giocare basso vicino la superficie del mare con dei delfini, all’orizzonte vedevo solo acqua, il suono del mio motore in volo livellato era come musica in quel momento. I delfini dopo un po’ sono andati via, Malta si avvicinava e la mia attenzione si concentrava sui grossi cumuli che erano sempre più vicini. Ho guardato il serbatoio, avevo ancora tanto carburante, il consumo era stato meno di quanto avevo previsto. Giunti a pochi chilometri dalla terra ci siamo resi conto che sia su Malta che sull’isola di Gozo stava piovendo, l’unica parte dove non pioveva era sull’isoletta di Comino che si trova tra Malta e Gozo. Un elicottero è passato per un controllo e poi è sparito verso sud. Abbiamo deciso di attendere in volo che le condizioni migliorassero così da poter raggiungere l’atterraggio stabilito ma dopo un po’ la situazione è peggiorata, l’aria è diventata abbastanza turbolenta, ha iniziato a piovere sopra di noi e su Gozo si formavano delle trombe d’aria. Attendere in volo non era più possibile e siamo andati ad atterrare sull’isoletta, vicino ad un chiosco che ci ha permesso di ripararci dalla pioggia.   Da Malta poi siamo rientrati in Sicilia con la nave portando con noi tutta l’attrezzatura in spalla e lì capisci veramente l’importanza di avere un motore leggero." ["post_title"]=> string(35) "Dalla Sicilia a Malta in paramotore" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(53) "volo-gozo-dalla-sicilia-in-paramotore-pasquale-biondo" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2022-05-24 11:34:42" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2022-05-24 09:34:42" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(65) "http://www.vittorazi.com/?post_type=esperienze-pilota&p=2453" ["menu_order"]=> int(12) ["post_type"]=> string(17) "esperienze-pilota" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }
volo gozo
volo gozo

09/05/2020

Dalla Sicilia a Malta in paramotore

Nel settembre 2019 ho fatto la traversata in paramotore dalla Sicilia a Malta, è stata un’avventura particolare perché si trattava di volare in mare aperto in un giorno prestabilito  dalle autorità maltesi, non dalle condizioni meteo favorevoli, visto che a Malta non si può volare in paramotore e l’autorizzazione che hanno dato era valida solo per quel giorno.

 

Il programma prevedeva un volo di circa 3 ore con atterraggio su un eliporto a Gozo.

La sera prima della traversata ho preparato la mia attrezzatura e fatto un ultimo check al mio Moster 185, ma sapevo già che non mi avrebbe mai tradito.

 

Ho guardato le previsioni meteo, erano previsti temporali su Malta, quindi poteva esserci il rischio di rimanere bloccato sul mare e non poter raggiungere la costa fin quando la condizione meteo non lo avrebbe permesso.

Decido comunque di non aggiungere un serbatoio supplementare al mio equipaggiamento perché con i consumi del mio Moster il solo carburante del serbatoio principale sarebbe stato sufficiente.

Il mattino seguente la condizione meteo in decollo era ottima, ma guardando all’orizzonte in direzione di Malta si vedevano già dei cumuli con sviluppo verticale.

 

A fare la traversata eravamo in 2, entrambi con motore Vittorazi Moster 185 montato su telaio Fly Products, e per sicurezza avevamo il supporto di una barca.

 

Il volo è stato fantastico, la bassa rumorosità e le ridotte vibrazioni del motore davano un ottimo comfort.

Dopo circa 90 minuti di volo mi sono ritrovato a giocare basso vicino la superficie del mare con dei delfini, all’orizzonte vedevo solo acqua, il suono del mio motore in volo livellato era come musica in quel momento.

I delfini dopo un po’ sono andati via, Malta si avvicinava e la mia attenzione si concentrava sui grossi cumuli che erano sempre più vicini. Ho guardato il serbatoio, avevo ancora tanto carburante, il consumo era stato meno di quanto avevo previsto.

Giunti a pochi chilometri dalla terra ci siamo resi conto che sia su Malta che sull’isola di Gozo stava piovendo, l’unica parte dove non pioveva era sull’isoletta di Comino che si trova tra Malta e Gozo.

Un elicottero è passato per un controllo e poi è sparito verso sud.

Abbiamo deciso di attendere in volo che le condizioni migliorassero così da poter raggiungere l’atterraggio stabilito ma dopo un po’ la situazione è peggiorata, l’aria è diventata abbastanza turbolenta, ha iniziato a piovere sopra di noi e su Gozo si formavano delle trombe d’aria. Attendere in volo non era più possibile e siamo andati ad atterrare sull’isoletta, vicino ad un chiosco che ci ha permesso di ripararci dalla pioggia.

 

Da Malta poi siamo rientrati in Sicilia con la nave portando con noi tutta l’attrezzatura in spalla e lì capisci veramente l’importanza di avere un motore leggero.

Gallery

vittorazi motors pasquale biondo paramotore
svg circle orange - Vittorazi
svg arrow left - Vittorazi
svg circle orange - Vittorazi
svg arrow right - Vittorazi
vittorazi motors pasquale biondo paramotore

Scopri altri V-Tribers

Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

VITTORAZI MOTORS 250CC

(POR Marche FESR 2014-2020 Asse 1 - OS 1 - Azione 1.2)

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il progetto prevede, a partire da risultati di ricerca già acquisiti, l'ingegnerizzazione e l'industrializzazione di un nuovo prodotto, il motore Mule250.

OBIETTIVI

Il progetto ha tra gli obiettivi: l'ingegnerizzazione e prototipazione esecutiva del nuovo motore, il miglioramento delle caratteristiche prestazionali e tecniche del prodotto, l'industrializzazione del nuovo motore, la promozione del prodotto innovativo e sviluppo della fase di commercializzazione per il nuovo mercato.

RISULTATI

Ingegnerizzare, industrializzare e produrre il nuovo motore Mule250 da proporre a un nuovo settore di clientela, acquisendo una fetta di mercato importante per lo sviluppo dell'impresa.

Investimento totale: 687.291,60 euro | Finanziamento pubblico: 337.675,80