object(WP_Post)#25441 (24) { ["ID"]=> int(3320) ["post_author"]=> string(1) "2" ["post_date"]=> string(19) "2020-05-25 12:25:50" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-05-25 10:25:50" ["post_content"]=> string(3880) ""Ho fatto un sogno il primo giorno che ho imparato a pilotare un paramotore. Il sogno era di volare lontano, molto lontano". Il racconto di Jean-Francoi Chabaud è appassionato.   "Perché? Non lo so davvero, se non per la sfida di fare qualcosa di diverso. Mi piace sempre sfidare me stesso. Ricordo di aver parlato con il mio mentore, Troy Hartman, della possibilità di circumnavigare tutti gli Stati Uniti. Era un progetto ambizioso per qualcuno che aveva appena imparato a pilotare un paramotore. E così tutto è partito da lì".   "Dopo soli 67 lanci e ancora in fase di implementazione delle mie capacità, sono partito per il viaggio più difficile di sempre (per qualsiasi pilota). Ho volato con il mio Paramotore Scout con il motore Vittorazi Moster 185 e con la vela Ozone Roadster 2 24 metri da 750 miglia dal New Mexico alla California. Ero carico di carburante extra, olio, pezzi di elettronica, acqua, ricambi, attrezzatura da campeggio e cibo (160 libbre sulla schiena). Non avevo un'auto che mi seguisse e nemmeno qualcuno che conoscevo nel raggio di 375 miglia mentre ero a metà strada".   "Per il mio viaggio successivo, avevo organizzato il Rio Grande Adventure - un viaggio di gruppo di 1.500 miglia, lungo due settimane in un solo senso con nove piloti. La maggior parte dei piloti aveva motori Vittorazi Moster 185".   "Poi è stato il momento di tentare il viaggio più grande: 6.000 miglia supportate. L'obiettivo non era guidare ma volare attraverso gli Stati Uniti da San Diego a Key West, poi da Cancun a San Diego. Il percorso presentava molte sfide". "Avevo anche previsto di volare a Cuba e da lì a Cancun, in Messico, ma non ho avuto l'autorizzazione per farlo. Mio nipote Nans Pera, che era il mio equipaggio di terra, non capiva perché non volessi guidare un po' la macchina, quando il tempo non era adatto per volare. Molte volte ho dovuto dirgli che avrebbe vanificato lo scopo del viaggio, che era quello di volare per tutto il tragitto". Il tempo per il lancio arrivava quando riuscivo a massimizzare la distanza da poter percorrere durante le ore diurne. Il volo a mezzogiorno era normale per me. Alcuni ottimi piloti mi hanno detto che non avrei dovuto tentare un tale viaggio perché troppo pericoloso. Sì, ho avuto qualche inconveniente, come lo sgonfiaggio dell'ala, ma nel complesso è andato tutto bene. Negli Stati Uniti, ho guidato forse 45 miglia ma ho volato per 3.700 miglia. In Messico, ho guidato per 250 miglia e ho volato per 2.400 miglia".   "Com'è possibile che un piccolo motore a due tempi possa fornire prestazioni per viaggi del genere? Il Moster 185 è un motore leggero e molto potente. È incredibile che si possa volare dal livello del mare a 10.000 piedi senza dover regolare il carburatore. Il mio peso è di 155 libbre e la mia velocità al suolo senza vento era di 32 miglia orarie, ma la mia velocità media su 6.000 miglia era di 37 miglia orarie con una velocità massima di 81,4 su Mobile, Alabama. Il motore continuava a fornire la potenza necessaria e non perdeva mai un colpo. La salita è stata incredibile. Non ho mai cambiato il settaggio del carburatore e sono rimasto alla mia miscela di olio 66/1".   "Quando abbiamo smontato il motore, sembrava ancora abbastanza buono. Ero preoccupato per l'effetto della vibrazione sulla schiena, ma alla fine non è stato un problema anche dopo aver volato molte volte per più di otto ore al giorno. Grazie a Vittorazi, Scout PPG, Ozone Power, Eskis e altri, che si sono fidati di me e hanno sostenuto la mia idea che un tale volo fosse possibile"." ["post_title"]=> string(65) "Seimila miglia in paramotore: il viaggio di Jean-Francois Chabaud" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(57) "seimila-miglia-jean-francois-chabaud-paramotore-vittorazi" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2022-05-25 09:40:42" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2022-05-25 07:40:42" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(58) "http://www.vittorazi.com/?post_type=experience&p=3320" ["menu_order"]=> int(11) ["post_type"]=> string(10) "experience" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }
seimila miglia
seimila miglia

01/05/2020

Seimila miglia in paramotore: il viaggio di Jean-Francois Chabaud

“Ho fatto un sogno il primo giorno che ho imparato a pilotare un paramotore. Il sogno era di volare lontano, molto lontano”.

Il racconto di Jean-Francoi Chabaud è appassionato.

 

“Perché? Non lo so davvero, se non per la sfida di fare qualcosa di diverso. Mi piace sempre sfidare me stesso. Ricordo di aver parlato con il mio mentore, Troy Hartman, della possibilità di circumnavigare tutti gli Stati Uniti. Era un progetto ambizioso per qualcuno che aveva appena imparato a pilotare un paramotore. E così tutto è partito da lì”.

 

“Dopo soli 67 lanci e ancora in fase di implementazione delle mie capacità, sono partito per il viaggio più difficile di sempre (per qualsiasi pilota).

Ho volato con il mio Paramotore Scout con il motore Vittorazi Moster 185 e con la vela Ozone Roadster 2 24 metri da 750 miglia dal New Mexico alla California.

Ero carico di carburante extra, olio, pezzi di elettronica, acqua, ricambi, attrezzatura da campeggio e cibo (160 libbre sulla schiena). Non avevo un’auto che mi seguisse e nemmeno qualcuno che conoscevo nel raggio di 375 miglia mentre ero a metà strada”.

 

“Per il mio viaggio successivo, avevo organizzato il Rio Grande Adventure – un viaggio di gruppo di 1.500 miglia, lungo due settimane in un solo senso con nove piloti. La maggior parte dei piloti aveva motori Vittorazi Moster 185”.

 

“Poi è stato il momento di tentare il viaggio più grande: 6.000 miglia supportate. L’obiettivo non era guidare ma volare attraverso gli Stati Uniti da San Diego a Key West, poi da Cancun a San Diego. Il percorso presentava molte sfide”.

“Avevo anche previsto di volare a Cuba e da lì a Cancun, in Messico, ma non ho avuto l’autorizzazione per farlo. Mio nipote Nans Pera, che era il mio equipaggio di terra, non capiva perché non volessi guidare un po’ la macchina, quando il tempo non era adatto per volare. Molte volte ho dovuto dirgli che avrebbe vanificato lo scopo del viaggio, che era quello di volare per tutto il tragitto”.

Il tempo per il lancio arrivava quando riuscivo a massimizzare la distanza da poter percorrere durante le ore diurne. Il volo a mezzogiorno era normale per me. Alcuni ottimi piloti mi hanno detto che non avrei dovuto tentare un tale viaggio perché troppo pericoloso. Sì, ho avuto qualche inconveniente, come lo sgonfiaggio dell’ala, ma nel complesso è andato tutto bene. Negli Stati Uniti, ho guidato forse 45 miglia ma ho volato per 3.700 miglia. In Messico, ho guidato per 250 miglia e ho volato per 2.400 miglia“.

 

“Com’è possibile che un piccolo motore a due tempi possa fornire prestazioni per viaggi del genere? Il Moster 185 è un motore leggero e molto potente. È incredibile che si possa volare dal livello del mare a 10.000 piedi senza dover regolare il carburatore.

Il mio peso è di 155 libbre e la mia velocità al suolo senza vento era di 32 miglia orarie, ma la mia velocità media su 6.000 miglia era di 37 miglia orarie con una velocità massima di 81,4 su Mobile, Alabama. Il motore continuava a fornire la potenza necessaria e non perdeva mai un colpo. La salita è stata incredibile. Non ho mai cambiato il settaggio del carburatore e sono rimasto alla mia miscela di olio 66/1″.

 

“Quando abbiamo smontato il motore, sembrava ancora abbastanza buono. Ero preoccupato per l’effetto della vibrazione sulla schiena, ma alla fine non è stato un problema anche dopo aver volato molte volte per più di otto ore al giorno.

Grazie a Vittorazi, Scout PPG, Ozone Power, Eskis e altri, che si sono fidati di me e hanno sostenuto la mia idea che un tale volo fosse possibile”.

Gallery

jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
svg circle orange - Vittorazi
svg arrow left - Vittorazi
svg circle orange - Vittorazi
svg arrow right - Vittorazi
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot
jean francois chabaud pilot

Scopri altre Experience

Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

VITTORAZI MOTORS 250CC

(POR Marche FESR 2014-2020 Asse 1 - OS 1 - Azione 1.2)

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il progetto prevede, a partire da risultati di ricerca già acquisiti, l'ingegnerizzazione e l'industrializzazione di un nuovo prodotto, il motore Mule250.

OBIETTIVI

Il progetto ha tra gli obiettivi: l'ingegnerizzazione e prototipazione esecutiva del nuovo motore, il miglioramento delle caratteristiche prestazionali e tecniche del prodotto, l'industrializzazione del nuovo motore, la promozione del prodotto innovativo e sviluppo della fase di commercializzazione per il nuovo mercato.

RISULTATI

Ingegnerizzare, industrializzare e produrre il nuovo motore Mule250 da proporre a un nuovo settore di clientela, acquisendo una fetta di mercato importante per lo sviluppo dell'impresa.

Investimento totale: 687.291,60 euro | Finanziamento pubblico: 337.675,80