object(WP_Post)#25502 (24) { ["ID"]=> int(10897) ["post_author"]=> string(1) "2" ["post_date"]=> string(19) "2023-12-07 17:51:14" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2023-12-07 16:51:14" ["post_content"]=> string(7322) "Nico Aubert ha conquistato i cieli spagnoli affidandosi al suo fidato motore Vittorazi Moster185.  Un viaggio di quattro giorni che ha coperto oltre 1000 km in 21 ore di volo, dal punto più a nord, Punta de la Barra, a quello più a sud, Tarifa, sorvolando paesaggi mozzafiato: questo è il riassunto di un'impresa incredibile!  In questa avvincente avventura, il Moster185 si è rivelato uno straordinario compagno di viaggio con un eccezionale rapporto peso-potenza, dimostrandosi la scelta ideale. La sua affidabilità è stata fondamentale per affrontare altitudini variabili, condizioni meteorologiche mutevoli e temperature impegnative. Non c'è quindi modo migliore per assaporare le vere emozioni di questo viaggio che immaginarle attraverso le parole del nostro pilota, Nicoals Aubert.    Ci puoi parlare un po' di te, della tua esperienza nel mondo della paramotore e del tuo rapporto con Vittorazi? Sono Nicolas Aubert e volo in paramotore dall'età di 13 anni. Sono un pilota di paramotore e, al di là delle competizioni, ho una passione per l'avventura e ho viaggiato in luoghi come Brasile, Egitto, Giordania, Cina, Thailandia e molti altri. Fin da quando ho iniziato a praticare il paramotore, ho conosciuto Vittorazi, vedendo le sue scatole motore al lavoro. Tre anni fa, ho avuto l'opportunità di unirmi a questa famiglia e di iniziare a volare con i loro motori per esplorare i luoghi più remoti del pianeta utilizzando un paramotore.   Cosa ti ha ispirato a intraprendere questa traversata attraverso la Spagna? L'ispirazione è stata quella di dimostrare che il paramotore non è solo uno sport agonistico, ma anche un modo di viaggiare unico. La sfida di esplorare la Spagna da Punta de Estaca de Bares a Tarifa è durata oltre tre giorni e mezzo e ha comportato sfide logistiche, emotive e tecniche.   Quali sono state le tappe principali del tuo viaggio e come hai pianificato l'itinerario? Il viaggio ha attraversato paesaggi diversi, dalla maestosità della costa galiziana all'impressionante passo Despeñaperros e al tesoro nascosto della Sierra de Grazalema. Destinazioni non convenzionali hanno portato a decisioni inaspettate, come l'atterraggio nel parcheggio di un supermercato a causa di una recinzione imprevista o il dormire su una montagna circondata da lupi.   Ci sono stati momenti particolarmente significativi durante la traversata che vorresti condividere? Uno dei momenti più impegnativi è stato svegliarsi in cima a una montagna di 1500 metri circondata da una nebbia inaspettata. È stato necessario improvvisare il percorso e costeggiare il Portogallo.   Quali sono le caratteristiche principali del motore che ti hanno  aiutato in questo viaggio? Per questo progetto ho utilizzato il Moster185 Plus My22 perché avevo bisogno di un motore potente, leggero e soprattutto affidabile. Durante tutto il viaggio, che ha totalizzato 20 ore di volo, il motore ha funzionato meravigliosamente senza alcun problema.   Hai  dovuto effettuare qualche regolazione speciale del motore prima di una traversata così impegnativa? Il motore è di serie, senza alcuna modifica. Per questo viaggio, ho voluto utilizzare il mio paramotore standard, il mio telaio PAP TINOX equipaggiato con il motore Vittorazi Moster185 Plus, un serbatoio da 17L e una vela Ozone, per dimostrare alle persone che si possono intraprendere viaggi incredibili con il proprio paramotore senza alcuna modifica.   Ci sono stati problemi tecnici durante il viaggio e come li hai  affrontati? Le sfide tecniche hanno incluso un incontro inaspettato con la nebbia. La pazienza e l'improvvisazione, come l'aver costeggiato il Portogallo a causa della nebbia, hanno garantito la continuità del viaggio.   Affrontare una traversata così lunga da soli deve essere stata un'esperienza unica. Puoi condividere le emozioni e i sentimenti che hai provato mentre eri in volo, attraversando la Spagna da solo? C'è stato un momento particolare che ti ha colpito emotivamente durante il viaggio? Sorvolare posti incredibili come la costa della Galizia e sperimentare il sostegno locale ha portato un mix di emozioni. Invitando i piloti locali a partecipare a segmenti del mio viaggio, ho vissuto momenti toccanti, con la gente del posto che esprimeva stupore e ammirazione per l'avventura.   Come hai superato queste sfide e cosa hai  imparato da questa esperienza? Superare le sfide ha richiesto improvvisazione, pazienza e disponibilità a deviare dal piano originale. L'esperienza mi ha insegnato che i limiti sono spesso autoimposti e che con la determinazione si possono raggiungere i propri obiettivi.   Durante il viaggio hai notato qualcosa dell'ambiente o hai avuto l'opportunità di sensibilizzare l'opinione pubblica sulle questioni ambientali? Ho potuto osservare molte foreste bruciate nella zona della Galizia, il che mi ha rattristato. Inoltre, ho notato che i bacini idrici erano molto poveri d'acqua.   Hai un messaggio o un consiglio da condividere con gli appassionati di Paramotore che potrebbero essere ispirati dalla tua avventura? Questa avventura ha rafforzato l'idea che i desideri possono essere trasformati in realtà. Dopo oltre dieci anni di gare di paramotore, questo viaggio ha segnato la mia transizione verso l'esplorazione e l'uscita dalla mia zona di comfort. Per gli appassionati di paramotore, vi incoraggio a sfidare i vostri limiti e a considerare le possibilità uniche che il paramotore offre per l'esplorazione e la crescita personale. Volo sicuro e avventuroso!   Sono storie ed esperienze come queste che ci danno l'energia per continuare il nostro viaggio. Ci auguriamo che queste testimonianze aiutino sempre più persone a scoprire questo fantastico sport chiamato paramotore.  Let’s Rock the Sky!" ["post_title"]=> string(63) "NICO AUBERT CONQUISTA I CIELI SPAGNOLI CON VITTORAZI MOSTER185!" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(62) "nico-aubert-conquista-i-cieli-spagnoli-con-vittorazi-moster185" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2023-12-07 17:51:14" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2023-12-07 16:51:14" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(53) "https://vittorazi.com/?post_type=notizia&p=10897" ["menu_order"]=> int(9) ["post_type"]=> string(7) "notizia" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }

NICO AUBERT CONQUISTA I CIELI SPAGNOLI CON VITTORAZI MOSTER185!

Nico Aubert ha conquistato i cieli spagnoli affidandosi al suo fidato motore Vittorazi Moster185. 

Un viaggio di quattro giorni che ha coperto oltre 1000 km in 21 ore di volo, dal punto più a nord, Punta de la Barra, a quello più a sud, Tarifa, sorvolando paesaggi mozzafiato: questo è il riassunto di un’impresa incredibile! 

In questa avvincente avventura, il Moster185 si è rivelato uno straordinario compagno di viaggio con un eccezionale rapporto peso-potenza, dimostrandosi la scelta ideale. La sua affidabilità è stata fondamentale per affrontare altitudini variabili, condizioni meteorologiche mutevoli e temperature impegnative.

Non c’è quindi modo migliore per assaporare le vere emozioni di questo viaggio che immaginarle attraverso le parole del nostro pilota, Nicoals Aubert. 

 

Ci puoi parlare un po’ di te, della tua esperienza nel mondo della paramotore e del tuo rapporto con Vittorazi?
Sono Nicolas Aubert e volo in paramotore dall’età di 13 anni. Sono un pilota di paramotore e, al di là delle competizioni, ho una passione per l’avventura e ho viaggiato in luoghi come Brasile, Egitto, Giordania, Cina, Thailandia e molti altri. Fin da quando ho iniziato a praticare il paramotore, ho conosciuto Vittorazi, vedendo le sue scatole motore al lavoro. Tre anni fa, ho avuto l’opportunità di unirmi a questa famiglia e di iniziare a volare con i loro motori per esplorare i luoghi più remoti del pianeta utilizzando un paramotore.

 

Cosa ti ha ispirato a intraprendere questa traversata attraverso la Spagna?
L’ispirazione è stata quella di dimostrare che il paramotore non è solo uno sport agonistico, ma anche un modo di viaggiare unico. La sfida di esplorare la Spagna da Punta de Estaca de Bares a Tarifa è durata oltre tre giorni e mezzo e ha comportato sfide logistiche, emotive e tecniche.

 

Quali sono state le tappe principali del tuo viaggio e come hai pianificato l’itinerario?
Il viaggio ha attraversato paesaggi diversi, dalla maestosità della costa galiziana all’impressionante passo Despeñaperros e al tesoro nascosto della Sierra de Grazalema. Destinazioni non convenzionali hanno portato a decisioni inaspettate, come l’atterraggio nel parcheggio di un supermercato a causa di una recinzione imprevista o il dormire su una montagna circondata da lupi.

 

Ci sono stati momenti particolarmente significativi durante la traversata che vorresti condividere?
Uno dei momenti più impegnativi è stato svegliarsi in cima a una montagna di 1500 metri circondata da una nebbia inaspettata. È stato necessario improvvisare il percorso e costeggiare il Portogallo.

 

Quali sono le caratteristiche principali del motore che ti hanno  aiutato in questo viaggio?
Per questo progetto ho utilizzato il Moster185 Plus My22 perché avevo bisogno di un motore potente, leggero e soprattutto affidabile. Durante tutto il viaggio, che ha totalizzato 20 ore di volo, il motore ha funzionato meravigliosamente senza alcun problema.

 

Hai  dovuto effettuare qualche regolazione speciale del motore prima di una traversata così impegnativa?
Il motore è di serie, senza alcuna modifica. Per questo viaggio, ho voluto utilizzare il mio paramotore standard, il mio telaio PAP TINOX equipaggiato con il motore Vittorazi Moster185 Plus, un serbatoio da 17L e una vela Ozone, per dimostrare alle persone che si possono intraprendere viaggi incredibili con il proprio paramotore senza alcuna modifica.

 

Ci sono stati problemi tecnici durante il viaggio e come li hai  affrontati?
Le sfide tecniche hanno incluso un incontro inaspettato con la nebbia. La pazienza e l’improvvisazione, come l’aver costeggiato il Portogallo a causa della nebbia, hanno garantito la continuità del viaggio.

 

Affrontare una traversata così lunga da soli deve essere stata un’esperienza unica. Puoi condividere le emozioni e i sentimenti che hai provato mentre eri in volo, attraversando la Spagna da solo? C’è stato un momento particolare che ti ha colpito emotivamente durante il viaggio?
Sorvolare posti incredibili come la costa della Galizia e sperimentare il sostegno locale ha portato un mix di emozioni. Invitando i piloti locali a partecipare a segmenti del mio viaggio, ho vissuto momenti toccanti, con la gente del posto che esprimeva stupore e ammirazione per l’avventura.

 

Come hai superato queste sfide e cosa hai  imparato da questa esperienza?
Superare le sfide ha richiesto improvvisazione, pazienza e disponibilità a deviare dal piano originale. L’esperienza mi ha insegnato che i limiti sono spesso autoimposti e che con la determinazione si possono raggiungere i propri obiettivi.

 

Durante il viaggio hai notato qualcosa dell’ambiente o hai avuto l’opportunità di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle questioni ambientali?
Ho potuto osservare molte foreste bruciate nella zona della Galizia, il che mi ha rattristato. Inoltre, ho notato che i bacini idrici erano molto poveri d’acqua.

 

Hai un messaggio o un consiglio da condividere con gli appassionati di Paramotore che potrebbero essere ispirati dalla tua avventura?
Questa avventura ha rafforzato l’idea che i desideri possono essere trasformati in realtà. Dopo oltre dieci anni di gare di paramotore, questo viaggio ha segnato la mia transizione verso l’esplorazione e l’uscita dalla mia zona di comfort. Per gli appassionati di paramotore, vi incoraggio a sfidare i vostri limiti e a considerare le possibilità uniche che il paramotore offre per l’esplorazione e la crescita personale. Volo sicuro e avventuroso!

 

Sono storie ed esperienze come queste che ci danno l’energia per continuare il nostro viaggio. Ci auguriamo che queste testimonianze aiutino sempre più persone a scoprire questo fantastico sport chiamato paramotore. 

Let’s Rock the Sky!

Gallery

svg circle orange - Vittorazi
svg arrow left - Vittorazi
svg circle orange - Vittorazi
svg arrow right - Vittorazi

Forse potrebbero interessarti

Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

VITTORAZI MOTORS 250CC

(POR Marche FESR 2014-2020 Asse 1 - OS 1 - Azione 1.2)

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il progetto prevede, a partire da risultati di ricerca già acquisiti, l'ingegnerizzazione e l'industrializzazione di un nuovo prodotto, il motore Mule250.

OBIETTIVI

Il progetto ha tra gli obiettivi: l'ingegnerizzazione e prototipazione esecutiva del nuovo motore, il miglioramento delle caratteristiche prestazionali e tecniche del prodotto, l'industrializzazione del nuovo motore, la promozione del prodotto innovativo e sviluppo della fase di commercializzazione per il nuovo mercato.

RISULTATI

Ingegnerizzare, industrializzare e produrre il nuovo motore Mule250 da proporre a un nuovo settore di clientela, acquisendo una fetta di mercato importante per lo sviluppo dell'impresa.

Investimento totale: 687.291,60 euro | Finanziamento pubblico: 337.675,80