object(WP_Post)#23198 (24) { ["ID"]=> int(5989) ["post_author"]=> string(1) "2" ["post_date"]=> string(19) "2022-05-25 12:30:51" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2022-05-25 10:30:51" ["post_content"]=> string(3265) "

Horacio Llorens e Rafael Goberna hanno partecipato a un servizio fotografico esclusivo per mostrare la splendida Palm Fountain al Pointe, Palm Jumeirah a Dubai.

  Come previsto, il risultato finale è stato molto spettacolare.   Il volo non si è limitato al tipico parapendio. Llorens e Goberna hanno indossato speciali paramotori per alzarsi in volo, planando tra i getti d'acqua della fontana, così vicini da poterli sentire.   "Tutti i progetti hanno approcci diversi. A volte ci si lascia ispirare da qualcosa di spettacolare, altre volte si viene contattati per una location straordinaria con un potenziale enorme", spiega Llorens. "Questo è stato il caso di The Pointe e Atlantis The Palm. Quando siamo andati lo scorso dicembre per il sopralluogo e ci hanno mostrato l'area e le fontane, ho detto: 'Dobbiamo realizzarlo, questo è il posto migliore in assoluto per un progetto di riprese notturne!".   Gli atleti, insieme a un nutrito gruppo di specialisti, hanno elaborato il piano per questo volo unico. Non si è trattato solo di arrivare e volare: c'è stato un addestramento prima dell'evento, c'è stata un'ingegnerizzazione, ci sono state diverse precauzioni di sicurezza, oltre a sessioni di allenamento intensive e alla pratica della coreografia. "Durante le prove abbiamo ideato 10 mosse diverse che volevamo fare e durante le riprese e abbiamo improvvisato insieme. È stato un processo molto divertente e impegnativo", racconta Llorens.   Il paramotore è uno sport complicato e richiede abilità, pazienza e una pianificazione molto, molto precisa. Llorens ci dice che ogni atleta trasportava circa 50 kg di peso sulle spalle. "Il parapendio e il paramotore sono sport diversi. Nel paramotore bisogna stare molto attenti perché c'è un'elica che gira velocissima vicino a noi. Ma questo sport apre un'enorme gamma di possibilità, perché si può salire spingendo il gas... nel parapendio non si può salire quando si vuole, ma solo quando le condizioni lo permettono", spiega Llorens. E naturalmente, durante la notte il paramotore era l'unica opzione per farlo nel modo in cui volevamo, ed era perfetto".   "Avevo con me il Moster 185 Factory R e il mio amico un Moster 185 Plus, a seconda della quantità di benzina che hai nel serbatoio, puoi facilmente superare i 30 kg... in questo caso stavamo usando luci LED, laser, fumo, batterie... quindi stavamo tenendo circa 50 kg sulla schiena in ogni decollo e atterraggio".   L'atleta prosegue: "Abbiamo volato per circa tre ore in voli consecutivi di 45 minuti ciascuno. Il volo notturno a volte è confuso perché non si può avere una visione chiara, poiché stavamo lavorando sulla comunicazione diretta con gli operatori della fontana The Pointe, abbiamo potuto giocare più vicino ai flussi d'acqua e far parte di questo spettacolo incredibile in modo sicuro."  " ["post_title"]=> string(70) "Volare in Paramotore sopra le Palm Fountain di Dubai - Horacio Llorens" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(68) "volare-in-paramotore-sopra-le-palm-fountain-di-dubai-horacio-llorens" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2022-05-25 12:35:27" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2022-05-25 10:35:27" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(62) "https://vittorazi.com/?post_type=esperienze-pilota&p=5989" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(17) "esperienze-pilota" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" }
Llorens
Llorens

15/05/2021

Volare in Paramotore sopra le Palm Fountain di Dubai – Horacio Llorens

Horacio Llorens e Rafael Goberna hanno partecipato a un servizio fotografico esclusivo per mostrare la splendida Palm Fountain al Pointe, Palm Jumeirah a Dubai.

 

Come previsto, il risultato finale è stato molto spettacolare.

 

Il volo non si è limitato al tipico parapendio. Llorens e Goberna hanno indossato speciali paramotori per alzarsi in volo, planando tra i getti d’acqua della fontana, così vicini da poterli sentire.

 

“Tutti i progetti hanno approcci diversi. A volte ci si lascia ispirare da qualcosa di spettacolare, altre volte si viene contattati per una location straordinaria con un potenziale enorme”, spiega Llorens. “Questo è stato il caso di The Pointe e Atlantis The Palm. Quando siamo andati lo scorso dicembre per il sopralluogo e ci hanno mostrato l’area e le fontane, ho detto: ‘Dobbiamo realizzarlo, questo è il posto migliore in assoluto per un progetto di riprese notturne!”.

 

Gli atleti, insieme a un nutrito gruppo di specialisti, hanno elaborato il piano per questo volo unico. Non si è trattato solo di arrivare e volare: c’è stato un addestramento prima dell’evento, c’è stata un’ingegnerizzazione, ci sono state diverse precauzioni di sicurezza, oltre a sessioni di allenamento intensive e alla pratica della coreografia.

“Durante le prove abbiamo ideato 10 mosse diverse che volevamo fare e durante le riprese e abbiamo improvvisato insieme. È stato un processo molto divertente e impegnativo”, racconta Llorens.

 

Il paramotore è uno sport complicato e richiede abilità, pazienza e una pianificazione molto, molto precisa. Llorens ci dice che ogni atleta trasportava circa 50 kg di peso sulle spalle.

“Il parapendio e il paramotore sono sport diversi. Nel paramotore bisogna stare molto attenti perché c’è un’elica che gira velocissima vicino a noi. Ma questo sport apre un’enorme gamma di possibilità, perché si può salire spingendo il gas… nel parapendio non si può salire quando si vuole, ma solo quando le condizioni lo permettono”, spiega Llorens. E naturalmente, durante la notte il paramotore era l’unica opzione per farlo nel modo in cui volevamo, ed era perfetto”.

 

“Avevo con me il Moster 185 Factory R e il mio amico un Moster 185 Plus, a seconda della quantità di benzina che hai nel serbatoio, puoi facilmente superare i 30 kg… in questo caso stavamo usando luci LED, laser, fumo, batterie… quindi stavamo tenendo circa 50 kg sulla schiena in ogni decollo e atterraggio”.

 

L’atleta prosegue: “Abbiamo volato per circa tre ore in voli consecutivi di 45 minuti ciascuno. Il volo notturno a volte è confuso perché non si può avere una visione chiara, poiché stavamo lavorando sulla comunicazione diretta con gli operatori della fontana The Pointe, abbiamo potuto giocare più vicino ai flussi d’acqua e far parte di questo spettacolo incredibile in modo sicuro.”

 

Gallery

svg circle orange - Vittorazi
svg arrow left - Vittorazi
svg circle orange - Vittorazi
svg arrow right - Vittorazi

Scopri altri V-Tribers

Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

VITTORAZI MOTORS 250CC

(POR Marche FESR 2014-2020 Asse 1 - OS 1 - Azione 1.2)

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il progetto prevede, a partire da risultati di ricerca già acquisiti, l'ingegnerizzazione e l'industrializzazione di un nuovo prodotto, il motore Mule250.

OBIETTIVI

Il progetto ha tra gli obiettivi: l'ingegnerizzazione e prototipazione esecutiva del nuovo motore, il miglioramento delle caratteristiche prestazionali e tecniche del prodotto, l'industrializzazione del nuovo motore, la promozione del prodotto innovativo e sviluppo della fase di commercializzazione per il nuovo mercato.

RISULTATI

Ingegnerizzare, industrializzare e produrre il nuovo motore Mule250 da proporre a un nuovo settore di clientela, acquisendo una fetta di mercato importante per lo sviluppo dell'impresa.

Investimento totale: 687.291,60 euro | Finanziamento pubblico: 337.675,80